Archivi categoria: Uncategorized

Voci dai sentieri che si biforcano

ciao a tutti, scusate, ieri ho letto questa notizia:

http://www.lettera43.it/cronaca/usa-appello-di-un-operaio-cinese-in-un-giocattolo_4367578019.htm

la copio e incollo anche qui

Una moderna versione del messaggio nella bottiglia.
Stavolta però l’sos è arrivato in gadget di Halloween. A lanciarlo è stato un operaio cinese che, lasciando una lettera in inglese e cinese, ha inviato una disperata richiesta di aiuto.
GIOCATTOLO DA UN CAMPO DI LAVORO. Il messaggio è stato trovato da una donna Julie Keith dell’Oregon, negli Stati Uniti, che ha acquistato il giocattolo da Kmart.
Pe run anno l’oggetto è rimasto non è stato nemmeno aperto. Poi, a ottobre 2012, la scoperta.
Arrotolata tra le lapidi di polistirolo c’era la lettera inviata da un campo di lavoro in cui un uomo chiedeva aiuto all’Organizzazione mondiale per i diritti umani e raccontava le condizioni di vita dei suoi compagni.
PERSEGUITATI DAL GOVERNO. «Se avete comprato questo oggetto, vi preghiamo gentilmente di inviare questa lettera all’Organizzazione mondiale dei diritti umani. Migliaia di persone qui sono sotto la persecuzione del partito comunista cinese. Vi ringrazieremo e ricorderemo per sempre», si legge nella lettera, in cui è scritto anche che il giocattolo è stato costruito nell’unità 8, dipartimento 2 del campo di lavoro Masanjia a Shenyang, in Cina.
10 YUAN AL MESE. Infine il terribile racconto della vita nel campo di lavoro: «le persone lavorano qui 15 ore al giorno, senza sabati, domeniche o ferie. Oltretutto vengono picchiati, sgridati duramente e pagati appena 10 yuan al mese», nemmeno due dollari.
«Le pene sono in media di 1-3 anni, ma nessuno ha ricevuto una sentenza definitiva. Molti di loro sono praticanti del Falun Gong, che sono persone del tutto innocenti solo perché hanno un credo diverso da quello comunista Spesso soffrono pene più alte degli altri».

Venerdì, 28 Dicembre 2012

 

E, insomma, mi è venuto in mente questo,

https://copiaeincolla.wordpress.com/2008/01/11/lettera-trovata-dentro-un-giocattolo/

Con un po’ di malinconia, anche.

A presto o tardi, amici.

I prossimi appuntamenti referendari 3

I prossimi appuntamenti referendari 2

Chatroulette

Prima di provare Chatroulette bisognerebbe ascoltare questa saggia canzone prodotta dal sempre fecondo Cody Johnston di Cracked.com.

La ho mezza tradotta in italiano qui sotto, è il benvenuto chiunque volesse darmi una mano per correggere le parti che non ho interpretato bene.

Ciao

Ciao

Ed ecco cos’è Chatroulette

Ti avvicina con chiunque nel mondo

da ovunque nel World wide Web

e tutto quello che devi fare è schiacciare “Next” e puoi vedere qualcun altro

Ma stai attento quando schiacci

perché stai per vedere un cazzo!

Stai per vedere un cazzo perché sei su Chatroulette

e anche se schiacci Next di nuovo

probabilmente vedrai un cazzo di nuovo

su Chatroulette hai almeno il 20% di probabilità

di vedere un cazzo la prossima volta  che schiacci Next

Next

Next

Next

Ma non sono tutti cazzi

Magari vedrai qualcuno cagare

Magari troverai un pollo con una addosso una parrucca da vecchia

o almeno qualche strana cosa che la gente fa in cambio di tette

ma stai attento quando schiacci next di nuovo

perché stai per vedere un cazzo

su chatroulette

Magari vedrai delle tette (…)

Forse troverai una bottiglia di Lysterine che si scopa un Clown

magari non vedrai un cazzo

ma poi vedrai un cazzo

e poi forse vedrai una ragazza

che vuole davvero fare due chiacchere

Dovresti dire ciao?

e dici ciao

E lei sorriderà

Ma poi le vedrai il cazzo

perchè sei su Chatroulette

e lei lo farà oscillare ballando attorno al letto (?)

E allora capisci

ricorda l’avviso

Dice che

Chatroulette

è soprattutto cazzi

è soprattutto cazzi

è soprattutto cazzi

è soprattutto cazzi

è soprattutto cazzi

è soprattutto cazzi…

Notizie che mi disturbano I

Dall’ ANSA qui :

ANCHE I PULCINI SANNO CONTARE

TRENTO – I pulcini di soli tre giorni di vita sono in grado di compiere semplici operazioni aritmetiche, come l’addizione e la sottrazione. E’ il risultato di uno studio di un gruppo di ricercatori del Centro mente cervello (Cimec) dell’Università di Trento e del dipartimento di Psicologia dell’Università di Padova, pubblicato oggi sulla rivista scientifica Proceedings B of the Royal Society. Primo autore è Rosa Rugani, giovane scienziata del Cimec. Confinati in una gabbietta, privati di ogni esperienza, se non l’esposizione a cinque palline di plastica gialla, i piccoli del pollo domestico hanno dimostrato di sapere contare gli oggetti di imprinting. Gli scienziati hanno suddiviso le palline, sotto gli occhi dei pulcini, in due insiemi di numerosità diversa, che hanno poi nascosto dietro uno schermo. Lasciati liberi di muoversi, i pulcini si dirigono sistematicamente dietro lo schermo dove si trova l’insieme più numeroso. I pulcini sarebbero in possesso quindi di capacità protoaritmetiche, una sorta d’istinto matematico, tale da “fornire uno straordinario supporto – sostengono gli autori dell’articolo scientifico – all’ipotesi secondo la quale le rappresentazioni mentali dei numeri (così come quelle degli oggetti fisici, di quelli animati e delle geometria) sarebbero presenti già alla nascita in tutti i vertebrati”.

La dittatura c’è ma non si sa dove sta, non si vede da qua, non si vede da qua.

la-dittatura-ce-ma-non-si-vede-da-qua-non-si-vede-da-qua

25

Forse vorrei essere nato nel Medioevo. Avrei avuto meno paura della morte.