Abbiamo fatto incazzare pure l’Argentina

Preferivo avere dei ministri alcolizzati. No, forse ce li abbiamo già.

Per la cronaca, questa è la solita stronzata di b, ma lui non le dice con malizia. Solo che nei paese più avanzati del nostro (come ad esempio si è dimostrata  l’Argentina), si incazzano, mandano a chiamare il nostro ambasciatore e gli fanno una allegra lavata di capo.

Ora, sempre tenendo a mente il ministro giapponese cacciato per il troppo jet lag e l’abuso di farmaci contro l’influenza, date un occhio a questa esilarantemente tragica lista di wikipedia:

Dichiarazioni e battute controverse di Silvio Berlusconi

Un tratto distintivo del modo di porsi di Berlusconi nei confronti del pubblico è il frequente ricorso all’uso di battute ironiche e/o sarcastiche che, insieme alla narrazione di barzellette, hanno l’effetto di “freddare” gli interlocutori. Questa sua caratteristica è molto criticata dai suoi detrattori, che ritengono tali battute offensive nei confronti dell’avversario e poco idonee al ruolo istituzionale che ricopre. I suoi sostenitori ritengono che l’umorismo di Berlusconi sia parte integrante della sua immagine pubblica di uomo dell’ottimismo e della speranza. Tuttavia, non di rado questa tendenza l’ha portato a dichiarazioni che poi ha smentito, ritrattato o declassato a battute umoristiche. Altre volte, tali dichiarazioni hanno fatto temere ripercussioni nei rapporti internazionali.

Nei confronti dell’eurodeputato Martin Schulz

Durante una seduta del Parlamento Europeo, Berlusconi ha replicato all’eurodeputato socialista tedesco Martin Schulz, il quale in un intervento aveva criticato il premier italiano per i suoi guai giudiziari e lo aveva accusato di esportare il conflitto di interessi nel resto d’Europa, dicendo: «Signor Schulz, so che in Italia c’è un produttore che sta facendo un film sui campi di concentramento nazisti. La suggerirò per il ruolo di kapò, lei sarebbe perfetto…”». L’aula dopo l’iniziale stupore reagì con urla di disapprovazione nei confronti del premier. In seguito Berlusconi dichiarò: «Era solo una battuta per cui è scoppiato a ridere l’intero Parlamento. Un’osservazione di venti secondi poiché volevo allentare l’atmosfera. La vicenda è stata enormemente gonfiata dalla sinistra».Successivamente il Cavaliere aggiunse: «In Italia tengono banco da decenni storielle sull’Olocausto. Gli italiani sanno scherzare sulle tragedie per superarle», provocando le proteste della comunità ebraica.

In occasione della riunione dei ministri degli Esteri a Caceres

Durante la foto di gruppo dei ministri degli Esteri, nella città spagnola di Caceres, Berlusconi che all’epoca era titolare ad interim della Farnesina, fece le corna ad un collega. Dopo le polemiche, il Cavaliere spiegò che l’aveva fatto solo per far divertire un gruppo di giovani boy-scout.

In conferenza stampa con Putin

Durante una conferenza stampa con l’allora presidente uscente della Russia, Vladimir Putin, dopo che una giornalista aveva posto al leader russo una domanda su una sua presunta relazione con una giovane ginnasta e Putin si era rifiutato di rispondere Berlusconi mimò una mitragliatrice che sparava sulla cronista, che si mise a piangere. La vicenda provocò polemiche per via dell’alto numero di giornalisti assassinati in Russia.

Gli orologi regalati durante il discorso di Chirac

Nel corso di un G8 in Canada, mentre l’allora presidente francese Chirac teneva il suo intervento, Berlusconi si alzò e iniziò a distribuire orologi agli altri capi di Governo presenti. Molti, tra cui il quotidiano inglese The Times, giudicarono il gesto come un segno di sprezzo politico nei confronti di Chirac e degli altri politici presenti.

L’operaia russa

In visita ufficiale in uno stabilimento in Russia della Merloni, si avvicinò ad un gruppo di operaie e ne baciò una sul volto. Il quotidiano russo Kommersant paragonò Berlusconi ai “teppisti che aspettano negli androni bui le ragazze che rincasano”.

Con la Cina

Nel corso della campagna elettorale del 2006, Berlusconi dichiarò ad un comizio che i comunisti cinesi, ai tempi di Mao, bollivano i bambini per concimare i campi. Il Ministero degli Esteri cinese protestò giudicando le parole del Cavaliere come “affermazioni infondate” e minacciò di far saltare le relazioni fra Cina e Italia.

Con l’Arabia Saudita

Ai giornalisti che gli chiedevano se ritenesse necessario un rimpasto del governo rispose che “non si occupava di paste alimentari” aggiungendo che dopo la visita in Arabia Saudita lui mangiava solo riso in bianco. Il Ministro degli Esteri saudita inviò una lettera di protesta al suo omologo italiano.

Con la Finlandia

Dopo che Parma fu proclamata sede dell’agenzia alimentare europea, Berlusconi spiegò che l’agenzia non sarebbe mai potuta andare a Helsinki perché i finlandesi vanno molto fieri della renna marinata e del pesce con la polenta, mentre non sanno nemmeno cos’è il prosciutto. Inoltre aggiunse che aveva convinto la presidente finlandese, Tarja Halonen a ritirarsi sfoderando le sue “doti di playboy”. La presidente Halonen convocò l’ambasciatore italiano e inviò una protesta ufficiale, mentre le associazioni di produttori finlandesi minacciarono il boicottaggio dei prodotti alimentari italiani.

Le scarpe al vertice europeo

Durante un vertice, Berlusconi spiegò che lui era dipinto dalla stampa come un bassotto che portava i tacchi rialzati nelle scarpe. Per dimostrare che non era così, si è tolto una scarpa e l’ha messa sul tavolo mostrando a tutti che appunto non aveva i tacchi alti.

L’inferiorità della cultura islamica

Altro episodio che fece discutere fu la battuta sull’inferiorità della cultura islamica rispetto a quella occidentale, pronunciata poco dopo gli attentati dell’11 settembre 2001.

Su Mussolini

Intervistato da un settimanale inglese, affermò che Mussolini non avrebbe mai ucciso nessuno, ma si sarebbe limitato a “mandare la gente a fare vacanza al confino”. Per tali dichiarazioni Berlusconi è stato criticato dall’opposizione . Il figlio di Giacomo Matteotti, il deputato socialista ucciso dai fascisti, ha ricordato al premier che «dagli interrogatori degli esecutori risultò evidente che il mandante dell’assassinio fu Benito Mussolini», invitandolo ad «andare sul Lungotevere, nel luogo in cui fu ucciso mio padre».

Con la figlia del premier turco Erdogan

Il 10 agosto 2003 invitato quale ospite al matrimonio della figlia del premier turco Recep Tayyip Erdoğan tentò di baciarle la mano, provocando il ritrarsi imbarazzato della sposa perché tale gesto è vietato ed inopportuno per la tradizione islamica.

Sugli italiani che votano il centrosinistra

Il 4 aprile 2006, a meno di una settimana dalle successive elezioni politiche , durante un intervento a Confcommercio, affermò di avere troppa stima degli italiani per credere che in giro ci siano così tanti coglioni che possano votare contro il loro interesse, cioè partiti e coalizioni a lui avversi. Nel pomeriggio, dichiarò invece che gli italiani che avrebbero votato l’Unione erano dei masochisti.

Sulla magistratura

Sempre parlando al convegno di Confcommercio, Berlusconi dichiarò che la magistratura, come dimostrato dal caso del piccolo Tommaso Onofri (un bambino di tre anni rapito e ucciso da un pregiudicato) era il cancro del Paese. Sempre secondo il premier, i giudici invece di occuparsi dei criminali spendevano il denaro dei cittadini indagando sulle sue aziende per fini esclusivamente politici. In un’altra occasione aveva definito i giudici come persone mentalmente disturbate.

Sugli omosessuali

Il 6 febbraio 2007 scherzando sul nome del candidato leghista alle comunali di Monza (Marco Maria Mariani) affermò: I gay però stanno tutti dall’altra parte intendendo dire che gli omosessuali stanno tutti a sinistra.

Sul presidente Obama

Poco dopo l’elezione di Barack Obama alla presidenza degli Stati Uniti, Berlusconi, durante una conferenza stampa congiunta con il presidente russo Dmitrij Medvedev al Cremlino, ha affermato: «Ho detto al presidente Medvedev che Obama ha tutto per poter andare d’accordo con lui: perché è giovane, è bello e abbronzato e quindi penso che si possa sviluppare una buona collaborazione». La frase ha suscitato polemiche perchè l’aggettivo abbronzato è stato talvolta impiegato in maniera dispregiativa nei confronti delle persone di colore. Berlusconi ha affermato che la sua dichiarazione è stata «una carineria assoluta, un grande complimento» e ha definito imbecilli coloro che hanno criticato quella dichiarazione.. La notizia ha fatto il giro del mondo portando l’Italia in prima pagina. Il sito del PDL non ne ha fatto menzione.

Sulla Costituzione italiana

“Il 7 febbraio 2009, a seguito della mancata firma del Presidente della Repubblica Napolitano del Decreto Legge che, approvato dal Consiglio dei Ministri lo stesso giorno della parziale interruzione dell’alimentazione e idratazione artificiale di Eluana Englaro, vietava la sospensione di tale pratica a soggetti non autosufficienti, Berlusconi ha affermato che “si vogliono attribuire dei poteri che secondo l’interpretazione mia e del governo non sono del capo dello Stato ma semmai spettano al governo” ed ha sollecitato una riforma della Carta Costituzionale, da lui ritenuta “necessaria perché [la Costituzione] è una legge fatta molti anni fa sotto l’influsso di una fine di una dittatura e con la presenza al tavolo di forze ideologizzate che hanno guardato alla Costituzione russa come un modello“. La dichiarazione ha suscitato diverse critiche, sia da parte dello stesso suo schieramento che da parte dell’opposizione; il Corriere della Sera, tramite un editoriale sull’argomento, ha definito il giudizio del Premier “Oltre la misura“. In seguito Berlusconi ha dichiarato: “Ho giurato sulla Costituzione, la rispetto. È la prima legge alla base dello Stato. Non ho mai pensato di attaccarla. Ma non è un moloch e può evolvere con i tempi, ma ribadendo: “che i valori costituzionali abbiano guardato alla carta dell’Unione Sovietica è una realtà storica. Con la sinistra abbiamo preso parte ad una Commissione Bicamerale in cui avevamo preparato anche un testo che poi non abbiamo approvato

…….to be continued.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...