Ai Confini della Pietà

“C’è un’oscena dimensione oltre a quelle che l’uomo già conosce, ed è senza limiti come l’infinito e senza tempo come l’eternità: è la regione intermedia tra l’ignobile e l’infame, tra l’immondo e l’indegno, in altre parole è la regione dei senza vergogna, una regione che si trova…Ai Confini della Pietà.”

Ed è questo il prologo di ogni puntata (saranno 7 in tutto) di Ai Confini della Pietà, ultimo grande lavoro dei registi Ciprì e Maresco in onda su LA7 tutti i giovedì alle 00.30. Protagonista delle prime due puntate è l’assai poco noto regista Giorgio Castellani, alias Giuseppe Greco (sì…proprio il figlio di Michele, il boss detto “il papa”), amante del cinema, regista di tre film a dir poco pessimi. «Un lucido esempio – dichiarano i due autori – di come le colpe dei padri a volte ricadono ingiustamente sui figli».

Ma chi sono sti Ciprì e Maresco? Daniele Ciprì e Franco Maresco sono due registi palermitani nati rispettivamente nel ’62 e nel ’58, celebri (per chi li conosce) per le loro sceneggiature comico-grottesche. Loro è anche l’ultimo film bloccato dalla censura in Italia: “Totò che visse due volte“.

Intervista ai registi prima dell’uscita de “Il Ritorno di Cagliostro“:

Pensate che dopo cinque anni ci sia attesa per il vostro ritorno sugli schermi?
Non gliene frega niente a nessuno.

Addirittura…
Il pubblico ha ben altro a cui pensare e comunque ben altre forme di evasione, di divertimento… E poi viviamo in un mondo in cui tutto è usa e getta: politica, sesso, sentimenti, arte naturalmente. Altro che attesa…

Si dice in giro che questa volta avete fatto un film diverso…
Questo ci fa incazzare perché non rinneghiamo niente di quello che abbiamo fatto. Se diverso vuol dire attenuare ed esorcizzare paure e preoccupazioni per rendere più accettabile il nostro lavoro, «ripulirlo». In questo film c’è una continuità molto forte col nostro passato, c’è la stessa visione del mondo e degli esseri umani. Piaccia o no ci sono Ciprì e Maresco.

continua

Filmografia:

  • Lo Zio di Brooklyn (1995)
  • Il manocchio, cortometraggio (1996)
  • Totò che visse due volte (1998)
  • Noi e il Duca – quando Duke Ellington suonò a Palermo (1999)
  • Enzo, domani a Palermo!, documentario (1999)
  • Arruso, cortometraggio per la TV (2000)
  • Il ritorno di Cagliostro (2003)
  • Come inguaiammo il cinema italiano – La vera storia di Franco e Ciccio (2004)
Annunci

16 risposte a “Ai Confini della Pietà

  1. nel più classico stile del commentare a vicenda i nostri post commento subito il tuo post. non hai mica totò che visse due volte?
    mi ha sempre incuriosito.
    Il video invece non mi è piaciuto tanto…mi ha provocato un vago senso di disgusto 😦

  2. Il video è divertentissimo.
    Non l’ho ancora visto totò che visse due volte, ma ce l’ho, per cui alla prima occasione…

  3. nell’ancor più classico stile con cui commento i vostri post subito dopo di voi, devo dire che a me ha provocato un leggero attacco d’ansia 😦 buona però la segnalazione,credo che approfondirò la conoscenza di questi buontemponi…l’intervista non è male!

  4. ah, scusate l’off topic ma…cosa diavolo c’è nel nuovo avatar di ankou? è un babbuino o ci vedo male?

  5. preferivo quello vecchio col particolare de “i nottambuli” di Hopper…più intellettualoso suggestivoque!

  6. è un ankou… appunto

  7. ah…cioè un babbuino?

  8. no, dovrebbe essere il dio celtico che accompagna i morti nell’aldilà, solo che nell’immaginetta piccola pare un babbuino…

  9. Dopo le tette, le pecore???

  10. A parte gli scherzi serissima e verissima la frase di apertura del post

  11. Il grande ritorno di morph…cmq sappi che abbiamo in serbo una sorpresa x te 🙂

    @gasnobile: ah giusto…l’avevo già letto…cmq è VERAMENTE simile ad un babbuino

    @ankou: continuiamo a lavorare x la “sorpresa x morph”…per ora siamo a 10 (il fatto che il resto del mondo o quasi non capisca di cosa stia parlando è naturale…non sentitevi scemi)

  12. già-comunque l’ankou non è nè una divinità nè un babbuino..il disegno è molto carino ma nel piccolo non rende. se troverò qualcosa di carino lo cambierò…

  13. io SO di quale sorpresa state parlando, ehehehehehe! mica sono scemo io! 🙂

  14. Pingback: Action30 Weblog » Tra i due litiganti…

  15. lo voglio anch’io totò che visse due volte! ma in giro si trova?

  16. certo che lo si trova…con qualità di merda ma si trova

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...